Home

PASTEL

 

 

 

 

 

 

 

PASTEL

Pastel è un nuovo progetto che coinvolge ex membri dei Minus Tree e dei Bury me at Down, è in uscita uno split e ne abbiamo approfittato per scambiare due chiacchiere, progetto che ha già suscitato un notevole interesse in tutta la penisola e non.

1. Finalmente abbiamo il piacere di sentire le prime tracce di quello che promette essere uno dei progetti più interessanti della nostra patria. Andrea tu sei un “volto” noto del giro prima coi Bury me at Dawn, di cui ricordo ancora la volta che siete saliti qui su dai noi e ovviamente i Minus Tree. Ora questo nuovo progetto, i Pastel. Suoni totalmente diversi rispetto ai passati progetti ma sempre di altissima qualità e, come chiedo a tutti, raccontaci un po’ la storia di questo progetto.

Ciao David! Innanzitutto grazie per questo spazietto!

Il progetto è nato la scorsa estate, a luglio, con il riavvicinamento tra me e Vito, chitarrista della prima formazione minus tree, e anche dei bury.

Ci conosciamo da tanto, siamo cresciuti insieme musicalmente, quindi abbiamo ritrovato la nostra sintonia spontaneamente, questa volta con sonorità che ci sono sempre piaciute, ma alle volte si gira intorno a qualcosa senza riuscire ad afferrarlo completamente.

Il riavvicinamento è stato anche a livello personale, visto che in passato c’erano stati dei fraintendimenti che abbiamo chiarito. è stata come una riscoperta anche di qualcosa di più profondo e più prezioso, alla base proprio di un rapporto tra vecchi amici.

Infatti per alcuni mesi abbiamo suonato in due, completamente soddisfatti dal sound raggiunto. Poi una sera per diletto è venuto un amico, anche lui di nome Vito, bassista, e ci si è divertiti parecchio. Motivo per il quale attualmente siamo in tre.

Anche la decisione di cantare in italiano… a stò giro non c’è stato neanche bisogno di dircelo.

2.Le due tracce caricate faranno parte di uno split con gli inglesi Merridew, avete già la data d’uscita?

Lo split è già online, ed in free download.

Lo stiamo stampando su 300 dischi grazie alla collaborazione di nove etichette da Germania, Francia, Belgio, Italia, Inghilterra, Stati Uniti e Canada e 30 audiocassette che stamperà una piccola DIY label ungherese. Sul nostro bandcamp ci sono tutte le info nel caso qualcuno fosse un accanito collezionista! Se tutto và bene i dischi saranno pronti per maggio!

Anche i Merridew, li consigliamo tantissimo, emo strumentale, non se ne sente di roba cosi! Tra l’altro sono gli ex Sperare, una band screamo con cui avemmo il piacere di suonare coi minus in Inghilterra. Davvero bravi.

3. Sono molte le etichette coinvolte nel progetto, ben 9,questo ci fa molto piacere, vi aspettavate un così grande entusiasmo/interesse?

Assolutamente no! Difatti sono felicissimo di questa cosa.

Pensa che l’idea iniziale era quella di far uscire questo split, e stampare con la nostra etichetta (UPWIND) delle audiocassette.

Ho mandato qualche mail ed alcune etichette prese benissimo mi hanno spronato a cercare di stampare su vinile, perchè secondo loro ne valeva la pena. Ci abbiamo creduto ed alla fine è andata alla grande.

4.Uno split è un modo perfetto per presentare un nuovo progetto, ma ci auguriamo che presto esca anche qualcosa di più “sostanzioso”, ci potete/volete dare qualche info?

La nostra idea iniziale era quella di presentarci diretti col full lenght.

Difatti ci stavamo lavorando tantissimo. Poi si è presentata l’occasione dello split, Merridew ci sono piaciuti tanto, e abbiamo deciso di registrare due brani e partire cosi.

Il risultato poi ci ha lasciato molto soddisfatti, riprese e mix li abbiamo fatti qui in zona Bari, il master ce lo ha fatto Carl Saff. é stata la prima volta che abbiamo lavorato in questo modo, e devo dire che il risultato è andato ben oltre le nostre aspettative.

Per quanto riguarda il full lenght, potrebbe esser fuori prima di quanto possiamo immaginare !

Grazie ancora David, e speriam di venir presto su a Bozen per una bella strimpellata !

https://www.facebook.com/pasteloff?fref=ts

http://pasteldiy.bandcamp.com/releases

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *